Vangelo di Gesù Cristo secondo San Matteo – 2

 

CAPO II

Venuta dei Magi, 1-12.  —  Fuga in Egitto, 13-15. —  Strage degli innocenti, 16-19.  — Ritorno dall’Egitto, 20-23.

 

 

Beato Angelico "Adorazione dei magi"

 

 

 

  1  Cum ergo natus esset Iesus in Bethelhem Iuda in diebus Herodis regis, ecce Magi ab oriente venerunt

      Ierosolymam, 

1  Essendo adunque nato Gesù in Betlemme di Giuda, regnando il re Erode, ecco che dei Magi arrivarono dall’Oriente

a Gerusalemme,

  2  Dicentes: Ubi est qui natus est rex Iudaeorum? vidimus enim stellam eius in oriente, et venimus

       adorare eum.

2  dicendo: Dov’è il nato Re dei Giudei? imperocchè abbiamo veduto la sua stella nell’Oriente, e siamo venuti per

adorarlo.

  3  Audiens autem Herodes rex, turbatus est, et omnis Ierosolyma cum illo.

3  Sentite tali cose, il re Erode si turbò, e on lui tutta Gerusalemme.

  4  Et congregans omnes principes sacerdotum, et Scribas populi, sciscitabatur ad eis ubi Christus nasceretur.

4  E adunati tutti i principi dei sacerdoti e gli Scribi del popolo, domandò loro dove fosse per nascere il Cristo.

  5   At illi dixerunt ei: In Bethehem Iudae: Sic enim scriptum est per Prophetam:

5  Essi gli risposero: In Betlemme di Giuda: perchè così fu scritto dal profeta:

  6  Et tu Bethlehem terra Iuda, nequaquam minima es in principibus Iuda: ex te enim exiet dux, qui regat

    populum meum Israel.

6  E tu Betlemme, terra di Giuda, non sei la minima tra i capi di Giuda: poichè da te uscirà il condottiero, che reggerà Israele

mio popolo.

  7  Tunc Herodes clam vocatis Magis diligenter didicit ab eis tempus stellae, quae apparuit eis:

7 Allora Erode, chiamati segretamente a sè i Magi, minutamente s’informò da essi, in qual tempo fosse loro

comparsa la stella.

  8 Et mittens illos in Bethlehem, dixit: Ite, et interrogate diligenter de puero: et cum inveneritis, renunciate

     mihi, ut ego veniens adorem eum.

8 E mandandoli a Betlemme, disse: Andate, e fate diligente ricerca del fanciullo: e quando l’abbiate trovato, fatemelo

sapere, affinchè anch’io vada ad adorarlo.

 9  Qui cum audissent regem, abierunt, et ecce stella, quam viderant in oriente,antecedebat eos, usquedum

      veniens staret supra ,ubi erat puer.

 9   Quelli, udite le parole del re, si partirono: ed ecco la stella veduta da essi in Oriente andava loro innanzi, finchè ,

arrivata sopra il luogo ove stava il bambino, si fermò.

10  Videntes autem stellam gavisi sunt gaudio magno valde.

10   Veduta la stella si riempirono di sopragrande allegrezza,

 11   Et intrantes domum, invenerunt puerum cum Maria matre eius , et procidentes adoraverunt eum; et

         apertis thesauris suis obtulerunt ei munera, aurum, thus, et myrrham.

11  ed entrati nella casa trovarono il bambino con Maria sua madre: e prostratisi l’adorarono: e aperti i loro tesori gli

offerirono doni, oro, incenso e mirra.

 12  Et responso accepto in somnis ne redirent ad Herodem, per aliam viam reversi sunt in regionem suam.

12  Ed avvertiti in sogno di non ripassare da Erode, per altra strada se ne ritornarono al loro paese.

 

Giovanni Busi detto Cariani "Fuga in Egitto"

 13 Qui cum recessissent, ecce angelus Domini apparuit in somnis Ioseph, dicens: Surge, et accipe puerum,

        et matrem eius, et fuge in Aegyptum, et esto ibi usque dum dicam tibi. Futurum est enim ut Herodes  

        quaerat puerum ad perdendum eum.

13  Partiti che furono, ecco l’ Angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe, e gli disse: Levati, prendi il bambino

e sua madre, e fuggi in Egitto, e fermati là, finchè io ti avvisi: perchè Erode cercherà del bambino per farlo morire.

 14  Qui consurgens accepit puerum et matrem eius nocte, et secessit in Aegyptum:

 14  Ed egli, svegliatosi, prese di notte tempo il bmbino e la madre, e si ritirò in Egitto,

15  Et erat ibi usque ad obitum Herodis: ut adimpleretur quod dictum est a Domino per Prophetam dicentem:

Ex Aegypto vocavi filium meum.

15  e ivi stette sino alla morte d’Erode: affinchè si adempisse qunto era stato detto dal Signore pel Profeta che dice:

Dall’Egitto ho richiamato il mio Figliuolo.

16 Tunc Herodes videns quoniam illusus esset a Magis, iratus est valde , et mittens occidit omnes pueros,

qui erant in Bethlehem, et in omnibus finibus eius a bimatu et infra secundum tempus, quod 

exquisierat a Magis.

16 Allora Erode vedendosi burlato dai Magi s’adirò fortemente , e mandò ad uccidere tutti i fanciulli che erano in

Betlemme e in tutto il territorio circostante dall’età di due anni in giù, secondo il tempo che aveva rilevato dai Magi.

17  Tunc adimpletum est quod dictum est per Ieremiam prophetam dicentem:

17  Allora si adempì quanto fu predetto dal profeta Geremia, che dice:

18  Vox in Rama audita est ploratus, et ululatus multus; Rachel plorans filios  suos, et noluit consolari,

    quia non sunt. Domini apparuit in somnis  Ioseph in Aegypto,

18  Una voce si è udita in Rama, grandi pianti e ululati: Rachele piangente i suoi figli, nè cvolle ammettere consolazione,

perchè essi non sono più.

19  Defuncto autem Herode, ecce angelus Domini apparuit in somnis Ioseph in Aegypto,

19  Morto Erode, ecco l’Angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe in Egitto,

20  Dicens: Surge, et accipe puerum, et matrem eius, et vade in terram Israel: defuncti sunt enim, qui 

quaerebant animam pueri.

20  e gli disse: Svegliati, prendi il fanciullo e la madre di lui, e va nella terra d’Israele; poichè sono morti coloro che

cercavano la vita del bambino.

21  Qui consurgens, accepit puerum, et matrem eius, et venit in terram Israel.

21  Ed egli levatosi prese il bambino e la madre, e andò nella terra di Israele.

22  Audiens autem quod Archelaus regnaret in Iudaea pro Herode patre suo , timuit illo ire: et admonitus

   in somnis, secessit in partes Galilaeae.

22  Ma avendo sentito che Archelao regnava nella Giudea in luogo di Erode suo padre, temè di andare colà: e avvertito

in sogno si ritirò in Galilea;

23 Et veniens habitavit in civitate, quae vocatur Nazareth: ut adimpleretur quod dictum est per Prophetas:

Quoniam Nazaraeus vocabitur.

23  dove giunto, abitò nella città chiamata Nazaret: affinchè si adempisse quello che era stato predetto dai profeti:

Egli sarà chiamato Nazareo.